UNA SOLUZIONE PER L’AREA EX FISCHER

image

Noi di Sel Segrate ci eravamo interessati 2 anni fa del problema degrado e della giungla che sorge a fianco alla palazzina.Era stata anche deliberata una concessione per costruire ai tempi dell’ex assessore Zanoli.Ora si spera che venga riqualificata tutta l’area circostante.

Via Morandi, capannone confiscato alla mafia consegnato a Segrate: sarà deposito comunale
Federico Viganò. Un capannone di tremila metri quadrati, confiscato alla criminalità organizzata, diventerà il nuovo deposito comunale. Con un risparmio, per le casse comunali, di 80mila euro annui.L’ufficialità è arrivata la scorsa settimana con una comunicazione dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati, che ha disposto la consegna al Comune di Segrate del fabbricato di via Morandi che, fino a metà degli anni Novanta, ospitò un’azienda di trasporti internazionali. E che verrà presto trasformato in magazzino, per ospitare i materiali comunali (arredo urbano, segnaletica, cartellonistica e molto altro) da alcuni stoccati in via degli Alpini, presso privati, per un importo annuo, tra canone di locazione e utenze, superiore agli 80mila euro.I fabbricati dismessi confiscati in via Morandi: il capannone ospiterà il deposito comunale A dare il via libera alla consegna la richiesta inoltrata dal Comune che, visto la scadenza a fine ottobre del contratto di affitto per l’attuale deposito, si è rivolta all’Agenzia per ottenere l’acquisizione dell’intero complesso. Una domanda accolta dal direttore dell’Agenzia, che con decreto dello scorso 16 ottobre ha disposto la consegna provvisoria del capannone al Comune “per destinarlo a deposito di materiali della amministrazione comunale, in attesa di completare l’iter di destinazione”.Il capannone, che dovrà essere recintato e separato dalla palazzina degli uffici inclusa nel medesimo lotto – per la quale è prevista una successiva procedura di “consegna” all’ente comunale che ne ha fatta richiesta – entrerà presto in funzione: la giunta comunale ha infatti già approvato una delibera di indirizzo, giovedì 7 novembre, cui seguirà una procedura di gara per affidare i lavori di manutenzione e messa a norma della struttura da molti anni dismessa.“EX FISCHER” – L’intera area, che occupa una superficie di circa 20mila metri quadrati tra via Morandi e via Tiepolo, fu abbandonata dopo la chiusura della società proprietaria e delle attività lì operante. Il lotto, comprendente il grande capannone e la palazzina degli uffici su due livelli, fu quindi venduto in seguito alla procedura di fallimento. Alcuni anni dopo, la nuova proprietà propose al Comune di Segrate un piano di riqualificazione, denominato “Ex Fischer”, che avrebbe portato alla realizzazione di edifici residenziali (per circa 200 abitanti) e alla cessione al Comune dell’area verde – riconducibile però a un secondo proprietario – situata dalla parte opposta di via Morandi. Il PII (Piano integrato di intervento) fu approvato dal Consiglio comunale nel febbraio 2009. A distanza di due anni dell’approvazione, però, la convenzione non fu mai siglata e il progetto fu dichiarato decaduto da parte del Comune. Nel frattempo, infatti, il proprietario del lotto fu coinvolto in un’inchiesta per associazione mafiosa e il Tribunale di Milano, nel marzo 2010, dispose il sequestro dei beni.

Da Segrate Oggi.it

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...