IL JOBS ACT E’ PASSATO ALLA CAMERA

JOBS ACT

La Camera dei Deputati ha approvato con 316 voti a favore la riforma del lavoro, il cosiddetto “Jobs Act” proposto dal governo Renzi. I voti contrari sono stati solo 6 perché l’opposizione e parte della minoranza del PD non hanno partecipato alla votazione.

I deputati di Sel prima di lasciare l’aula hanno esposto lo Statuto dei Lavoratori listato a lutto per protesta. Nicola Fratoianni coordinatore nazionale e deputato Sel commenta il voto: «Non si cancellano i diritti, non si cancella l’idea di lavoro che è iscritta nella nostra Costituzione. Il Jobs Act non risponde alle necessità del paese, perché non produrrà nemmeno un posto di lavoro in più; al contrario, facilita i licenziamenti. Il Jobs Act mette i lavoratori gli uni contro gli altri, perché instilla l’idea secondo cui ci siano lavoratori iper-garantiti e lavoratori per nulla garantiti. Il Jobs Act toglie tutele e diritti agli uni e agli altri. Continueremo a dare battaglia fuori e dentro il Parlamento».

Il Jobs Act è una legge delega: un testo cioè che pone alcuni principi fondamentali all’interno dei quali il Parlamento delega il governo ad assumere delle decisioni. La legge è già stata approvata dal Senato lo scorso 9 ottobre – con il voto di fiducia, cosa che ha creato discussioni e polemiche – ma è stata modificata alla Camera con un emendamento proposto dal governo e quindi dopo il voto dovrà ritornare all’esame del Senato prima di essere approvata definitivamente.

NICOLA FRATOIANNI

image

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...