SEL SEGRATE: I MARCIAPIEDI COLORATI DI ROSSO,COME D’INCANTO DIVENTANO CICLABILI!!

È da anni che chiediamo più attenzione sulle piste ciclabili.

http://segratedomani.blogspot.it/2012/11/i-marciapiedi-colorati-di-rossocome.html?m=1

Annunci

IL LAVORO È DIGNITÀ E VITA DELL’ UOMO

“Non lasceremo l’occupazione fino a che l’azienda non ci darà una soluzione alternativa al trasferimento a cento chilometri da casa”
<strongGianni siamo con Te non Mollare.

image

Milano, 22 giugno 2016 – Protesta in via Giovanni della Casa 12, nella sede Marcegaglia di Milano dove un operaio è salito sul tetto con una tanica di benzina, minacciando di darsi fuoco. Dal 15 giugno assieme a sei colleghi di Sesto San Giovanni occupa l’edificio, in segno di protesta contro il trasferimento in provincia di Alessandria. “Ci hanno chiesto di abbassare le sciabole, ma noi non ce la facciamo più. Non lasceremo l’occupazione fino a che l’azienda non ci darà una soluzione alternativa al trasferimento a cento chilometri da casa”, dicono i colleghi.
Sono arrivati sul posto i vigili del fuoco, la polizia di Stato e l’ambulanza del 118. L’operaio è ancora sul tetto. I colleghi comunicano con lui con il megafono. “Ho e abbiamo famiglia. Se mi devo fare male io, si devono fare male anche loro”, urla l’operaio dal tetto con in mano la tanica.
Anche il parroco don Giuseppe è intervenuto: “Il lavoro è vita e dignità dell’uomo. Non mi sembra giusto che sette persone siano buttate sul lastrico così. Qualche cosa bisogna fare – spiega il prete -. Io ho detto alla gente in chiesa di pregare per loro. Sono dei bravi ragazzi, nel quartiere c’è solidarietà e anche l’oratorio gli sta dando da mangiare”. In merito alle richieste dei lavoratori, con cui in questi giorni racconta di aver conversato più volte, il parroco dice: “Stanno lottando per un diritto sacrosanto: per loro, per quelli che sono nella loro situazione e oso dire anche per la controparte perché potrebbe capitare a chiunque una cosa del genere. Solo noi preti – conclude con ironia – non perdiamo il lavoro”.