Chiediamo solo che il primo articolo della Costituzione non sia solo inchiostro su carta.

Lettera di un precario a Mattarella

di ALESSIO ROMANELLI11 Febbraio 2017

Mi chiamo Alessio ho 30 anni, e sono un lavoratore precario. Uno come tanti precari presenti in Italia oggi, un precario proprio come Michele che non ha più retto il peso di questa vita così difficile e ha scelto di non farne parte. Io mi rivolgo ai politici, al Presidente Mattarella, a tutti coloro che hanno la possibilità di avere un futuro, a tutti gli industriali che sfruttano ragazzi come me o come Michele con leggi assurde che gli permettono di trattarci come spazzatura, vi chiedo solo di avere coscienza e fare in modo che qualcosa cambi.

Il mio pensiero è un po’ il pensiero di tutti quelli che come me non possono programmare una vita, avere una famiglia e Dio mi aiuti se possiamo avere un bambino. Parlo per esperienza personale, ho lavorato per una multinazionale per ben 49 mesi, quando il limite massimo è di 36, e alla fine mi sono ritrovato in una causa per difendere un mio diritto, causa che probabilmente perderò perché in Italia noi lavoratori non siamo tutelati né dai politici né dalla legge.

E allora io mi chiedo…forse Michele ha capito che è tutto inutile? E come lui, quanti altri ragazzi possono arrivare a pensare questa cosa? Quante altre morti volete per arrivare a capire che Michele aveva ragione? Io forse non avrò mai il suo coraggio, forse continuerò a lavorare, anzi scusate ad arrangiare e non riuscirò mai a realizzarmi. Vivrò una vita di stenti senza avere la possibilità di poter vivere l’emozione di un matrimonio, di una nascita, di una vita dignitosa. Perché in fondo io come tanti, non chiediamo tanto, chiediamo solo che il primo articolo della Costituzione Italiana non sia solo inchiostro su carta.

Se qualcuno non lo sapesse l’articolo 1 dice testuali parole: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Ecco, l’Italia è fondata sul lavoro, e non sul precariato. Spero che queste parole arrivino a qualcuno che possa darmi qualche risposta, spero che vengano lette e non disperse tra le tante cose che non si vogliono leggere.
 .

Guarda Anche



‘Fate’, ginnaste bambine verso Tokyo



RadaR, Giannini: ‘Le promesse mancate della politica che aiutano i populismi’

Dal Web



Iannone: “Test positivi ogni oltre aspettativa”Sky



Occhiali progressivi di ultima generazione a solo 249 Euro!occhiali24.it

Divisione Stampa Nazionale
Gruppo Editoriale L’Espresso Spa
P.Iva 00906801006
— 
Società soggetta all’attività di direzione e
coordinamento di CIR SpA
— 
ISSN 2499-0817

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...