Il gioco del Monopoli è finito.

Tutti tuttologi col web, ma fare quadrare il bilancio comunale è un’altra cosa
Il lungo cammino della redazione del bilancio del Comune di Segrate per l’anno 2017 è iniziato da diverse settimane e ormai si comincia a vederne la fine: dopo una prima delibera di Consiglio comunale – era il 13 febbraio 2017 – in cui è stata approvata la procedura pluriennale di riequilibrio finanziario, nella seduta del Consiglio di lunedì 27 marzo 2017 sono stati approvati alcuni provvedimenti sulle tasse e imposte che daranno maggiori entrate alle casse comunali.

I prossimi passi saranno la redazione e l’approvazione del bilancio vero e proprio.
L’entità di questa manovra, che adegua il carico finanziario ai cittadini segratesi agli standard di molti altri Comuni della Provincia – Milano in testa -è motivata dal forte squilibrio strutturale nella parte “corrente” dei conti comunali: detto in altre parole significa che la nostra città, per scelte fatte in passato, negli ultimi anni spendeva più di quanto realmente incassava.

Queste informazioni – e la manovra collegata – hanno scatenato commenti un po’ ovunque, ma è soprattutto in quel grande bar sport virtuale che sono i social network che si sono letti i più saccenti giudizi e le più stravaganti considerazioni.
In qualità di forze politiche che hanno seguito la vicenda del bilancio dal suo inizio, ci sembra doveroso tentare di fare un po’ di chiarezza su questo argomento pur rimanendo nel breve spazio un comunicato.

Non entreremo quindi nei dettagli numerici della manovra – per questo ci sono i documenti ufficiali del Comune – ma ci limiteremo pertanto a poche e semplici considerazioni.
La prima cosa che intendiamo sottolineare è che da un paio di anni a questa parte nella redazione del bilancio comunale le cose stanno cambiando ed il Comune non può più permettersi manovre contabili che la Legge in passato rendeva possibili.

Nella precedente consiliatura dai banchi dell’opposizione abbiamo più volte segnalato che i bilanci venivano “drogati” utilizzando le entrate non ripetibili (come i proventi derivanti dagli oneri di urbanizzazione) per sistemare le uscite della parte corrente: ora però – anche volendo – questo non è più permesso e chi dice che basterebbe che il Comune permettesse nuove costruzioni per risolvere il problema delle entrate dice una sciocchezza.

Purtroppo, come s’è visto, per aumentare le entrate vanno scelte altre vie.
Un’altra considerazione riguarda le spese.

A fronte di un eccesso di uscite rispetto alle entrate, la prima opzione è quella del taglio delle spese; su questo fronte riteniamo che l’Amministrazione – anche e soprattutto dietro suggerimenti dei consiglieri della maggioranza – abbia fatto e stia ancora facendo bene, essendo state eliminate un gran numero di attività che sono poco o per nulla utilizzate dai cittadini segratesi o essendo stati rimodulati i servizi tenendo conto della situazione di crisi finanziaria.

Va però specificato – cosa che non trova molto riscontro nel grande bar sport virtuale – che le “uscite” di un Comune sono direttamente o indirettamente collegate a servizi ai cittadini: tagliare le spese – al netto dell’eliminazione dei puri sprechi – significa quindi fare qualcosa in meno per la popolazione.

In più, decidere i tagli non è cosa semplice né talvolta possibile: ci sono contratti pluriennali per cui è difficile rinegoziare quanto pattuito, ci sono servizi che è difficile togliere alle fasce deboli della cittadinanza – come per la cosiddetta “area del sociale”, ad esempio -, ci sono attività che il Comune deve fare perché le vengono delegate obbligatoriamente da enti superiori.

Ribadiamo che l’Amministrazione si è mossa concretamente in quest’ambito, ma ci attendiamo sia fatto ancora di più e meglio.
Infine la parte che riguarda l’adeguamento di tasse e imposte.

Come già evidenziato, eliminate le spese che si possono eliminare senza togliere servizi essenziali e dato atto che non risulta più possibile utilizzare oneri da costruzioni per finanziare la spesa corrente, l’Amministrazione ha dovuto necessariamente adeguare il carico fiscale in capo ai contribuenti segratesi al pari di molti comuni della Citta Metropolitana; leggere o sentire che la Giunta Micheli è stata “solo capace di aumentare le tasse” – o peggio, che ha creato questa situazione al fine di poterle aumentare – è sbagliato oltre che ingeneroso.

Riteniamo che il Comune di Segrate fornisca ottimi servizi, ma riteniamo anche che i cittadini debbano farsene carico ciascuno secondo le proprie capacità contributive.

Per questo pensiamo che la scelta di modificare le aliquote o di rimodulare gli scaglioni delle rette dei servizi a domanda individuale sia stata una scelta corretta, ben sapendo che quando avremo creato nuove fonti di entrata, aliquote e rette possano essere rimodulate a vantaggio dei contribuenti.
Concludendo, ribadiamo che un’Amministrazione comunale seria non deve nascondere i problemi finanziari in un cassetto o – come hanno fatto altri in passato – rimandarne la soluzione ad un futuro non meglio identificato.
Aggiungiamo tuttavia che il percorso della Giunta non deve fermarsi qui, ma sia necessario un maggiore sforzo per trovare sia nuove fonti di entrata che possano coprire le spese legate ai servizi e sia meccanismi finalizzati a ridurre gli sprechi e le spese inutili.

Gli esempi sono tanti, nell’uno e nell’altro campo: finanziamenti e bandi pubblici, sponsor, collaborazioni con altri enti, alienazione o messa in affitto di strutture pubbliche, efficientamento del lavoro degli uffici comunali, risparmi nella bolletta energetica, tagli ai costi delle istituzioni, ecc.
Se bene lavoreranno a questi obiettivi, Paolo Micheli e la sua Giunta avranno certamente la massima collaborazione e l’appoggio da parte di tutte le forze politiche che l’hanno portato al governo di Segrate.
Segrate, 31 marzo 2017
Partito Democratico di Segrate

Segrate Nostra

Lega Federalisti per Segrate

I like Segrate

Sinistra per Segrate

Scelta Civica per Segrate

Sinistra Italiana

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...