Ma quanti mal di pancia ha causato l’Intermodale!!!.

Il Comune vuole l’area dell’Intermodale              Ma è polemica per lo scoop del Pd

Il Comune di Segrate diventerà proprietario dell’immensa area della ex dogana che oggi ospita il terminal Intermodale di Redecesio. Gratis. Forse. Già, perché il condizionale sarebbe d’obbligo dato che non sono pochi i “se” e gli ostacoli nel percorso annunciato la scorsa settimana, con uno “scoop” del Pd cittadino, verso l’obiettivo.

“E’ con grande orgoglio che posso comunicare che la giunta comunale ha in programma l’approvazione di una delibera che avvia il procedimento di acquisizione dell’area del centro intermodale di Redecesio”, il messaggio lanciato dal segretario democratico Damiano Dalerba lo scorso mercoledì. Un’anticipazione confermata il giorno successivo dal governo cittadino che ha provveduto a votare il documento che, tra le altre cose, parla appunto della futura, ipotetica acquisizione dell’area da parte del Comune grazie al meccanismo del federalismo demaniale, un provvedimento del 2013 a firma del governo Letta che aveva già mosso l’ente – amministrazione Alessandrini – ad avviare l’iter. Perché è importante che il Comune diventi proprietario di tali aree? E’ lo stesso Dalerba a spiegarlo. “Si tratta del passo indispensabile per potere arrivare alla dismissione del centro intermodale di Redecesio: solo essendo proprietari delle aree, infatti, si potrà definire il loro destino in modo compatibile con gli interessi della città”. In pratica, ottenerne la dismissione per liberare da traffico e rumore la zona est della frazione – via Lazio, in primis – da anni tormentata dall’attività di treni, camion e gru alle prese con il carico e scarico di container per lo scambio ferro-gomma. 

Il quadro però è complesso. L’area in questione è al centro di una lunga disputa giudiziaria tra Rfi e Demanio, che se ne contendono la proprietà. Solo nel caso fosse riconosciuta la pertinenza statale, infatti, il Comune potrebbe effettivamente richiederne l’acquisizione, secondo i dettami del federalismo demaniale. In caso contrario, invece, la procedura resterebbe limitata alle piccole porzioni già in uso da parte del Comune nell’area limitrofa al terminal. Inoltre, la vicenda procede parallela all’altra grande questione intermodale, relativa al potenziamento del terminal di Tregarezzo previsto dagli ormai noti accordi internazionali tra Italia e Svizzera. Una questione diversa ma collegata al destino dell’area di Redecesio, perché la contropartita più pesante richiesta dall’amministrazione comunale per la realizzazione dell’ampiamento – sul quale via I maggio continua a pronunciarsi contraria – sarebbe proprio la dismissione da parte di Rfi del terminal “gemello” di Redecesio. “E’ chiaro che per Segrate due terminal di smistamento merci sono troppi – taglia corto il sindaco Micheli  – La destinazione di quell’area nel caso venisse acquisita dal Comune? Al momento non è un tema, anche se una previsione di verde è quella che mi pare più adeguata”. Anche qui, però, gli ostacoli non mancherebbero. Infatti l’Accordo di programma per la realizzazione della viabilità speciale è legato a doppio filo al terminal intermodale e un eventuale cambio di destinazione d’uso a livello di Pgt potrebbe non essere facilmente ottenibile. Si vedrà. 

Nel frattempo alla complessa questione tecnica e urbanistica si è affiancata una diatriba politica. In maggioranza, infatti, la fuga in avanti del Pd – con il comunicato del segretario – avrebbe provocato parecchi mal di pancia tra gli alleati. “Su questa procedura hanno lavorato moltissimo gli assessori De Lotto e Mazzei assieme agli uffici, e dobbiamo ringraziare loro per primi, ma non posso che unirmi alla soddisfazione del Pd per l’inizio di questo percorso così importante per la città”, getta acqua sul fuoco Micheli. Ma, seppure senza alzare troppa polvere, più d’uno non avrebbe gradito quella che giudica una forzatura del Pd sulla questione. Sono già in programma incontri e riunioni sull’argomento sia nel Partito Democratico sia tra i rappresentanti della coalizione di maggioranza.

F.V.

Segrate Oggi del 25 maggio 2017 (pag. 5)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...