Da lunedì un sms avviserà i genitori il cui figlio non è nell’istituto e da settembre ci sarà anche la spunta dell’avvenuta letturaNEGLI ASILI DI SEGRATE ARRIVA L’APP SALVA BAMBINO

Nota nostra:

Dopo la conferenza stampa tenutasi ieri in Comune,siamo soddisfatti che una nostra proposta,gia’ in uso nelle strutture di Gorgonzola abbia avuto un riscontro da parte dell’Amministrazione e dalla Cooperativa Stripes,con un App salva bimbi Grazie a Tutti. UN PAPA’

Da lunedì sarà un semplice sms, ma da settembre una notifica con apposita spunta che conferma la lettura. Stiamo parlando del nuovo servizio che interesserà i genitori segratesi con bambini che frequentano i quattro asili nido cittadini. Il recente caso del figlio dimenticato sul seggiolino dell’auto da una mamma, ha scosso l’opinione pubblica. E così l’amministrazione comunale di Segrate ha chiesto alla cooperativa Stripes, che gestisce le strutture locali, se fosse possibile trovare qualche escamotage per scongiurare tragedie simili. Detto, fatto. «Da un anno abbiamo già in dotazione un software, denominato Infoasilo, che ci permette di comunicare con le famiglie», spiega Alessia Todeschini, psicopedagogista di Stripes, responsabile degli asili nido segratesi. «Attualmente quando la madre o il padre entrano nella struttura per accompagnare il proprio figlio devono strisciare un badge, così noi registriamo la loro presenza. E, sempre grazie a Infoasilo, gli educatori segnalano tutte le attività della giornata del bambino. Che cosa mangia, se dorme, quali attività ricreative compie. Alla luce della richiesta del Comune, abbiamo parlato con i gestori informatici del software e da lunedì verrà invitato un sms a quei genitori i cui figli non saranno entrati nell’asilo. Resta il problema di sapere se il messaggio sia letto o meno. A questo ovvieremo da settembre con un’apposita App con la quale, come già succede con WhatsApp, verrà notificata l’avvenuta lettura». Soddisfatto Gianluca Poldi, assessore alla Scuola: «Sembra incredibile che qualcuno possa dimenticare il proprio bambino sul seggiolino dell’auto, eppure un attimo di blackout mentale può accadere. Abbiamo chiesto ai responsabili di Stripes una soluzione e loro l’hanno trovata in pochi attimi».

Da SegrateInfolio.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...