Multe Linate accolto un’altro ricorso.

La sentenza n.5804 del 7/09/2018 emessa dal Giudice di Pace di Milano riguardante il ricorso presentato dal Signor Franco Fabietti per conto e nell’interesse di una Cittadina verbalizzata da parte del Comando di P.L. di Milano per violazione (illeggitima e ingannevole) commessa nell’area antistante l’Aeroporto di Linate prevalentemente sita in territorio segratese.Trattasi di parecchie multe verbalizzate in territorio milanese anziché in quello segratese.Il ricorrente ritiene che i vigili milanesi abbiano violato alcuni articoli del codice stradale e ingannato parecchi automobilisti.E tale condotta abbia inoltre arrecato un danno erariale al Comune di Segrate.

Annunci

Il grande parco di Milano: «Così ci sarà mezzo milione di alberi in più».Collaborazione tra Milano(Parco Forlanini),Parco Sud,Parco Nord,Segrate e Peschiera Borromeo.

https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/18_settembre_07/grande-parco-milano-cosi-ci-sara-mezzo-milione-alberi-piu-33dc6de2-b271-11e8-af77-790d0c049f1d.shtml

A Pochi passi da Segrate. Rubattino 84, via libera della Giunta al progetto di riqualificazione

Urbanistica
Rubattino 84, via libera della Giunta al progetto di riqualificazione
Alberi, parcheggi, una nuova ciclabile e una velostazione verranno realizzati contestualmente al polo commerciale e terziario. Assessore Maran: “L’intervento porterà nuovi servizi e attrattività in tutta l’area”

progetto_riqualificazione_rubattino_84
Milano, 13 luglio 2018 – Trasformare un’ex cava risalente al dopoguerra attualmente in stato di abbandono in un’area viva e funzionale. Sarà possibile grazie alla realizzazione del Programma integrato di intervento (PII) di via Rubattino 84 adottato dalla Giunta comunale.

Il progetto, presentato dalla società BNP Paribas Real estate investment management Italy società di gestione del risparmio P.A. per conto del fondo immobiliare denominato “Club deal”, riguarda un’area inutilizzata di 66.420 mq sul lato sud di via Rubattino, al confine con il Comune di Segrate. Qui verranno realizzati un edificio monoplanare che ospiterà un mix di funzioni commerciali per un massimo di 17.000 di s.l.p. e un edificio pluripiano destinato a funzioni ricettive e/o terziario (6.247 mq di s.l.p.), per un totale di una superficie pari a mq. 23.247.

Parallelamente saranno realizzate a scomputo oneri una serie di interventi funzionali anche ai quartieri limitrofi: un parcheggio pubblico alberato per circa 550 posti frontistante la nuova struttura commerciale, la sistemazione a verde di 6.127 mq con alberature di prima grandezza sull’asse di via Rubattino, la completa riorganizzazione di tutta l’area di fronte la stazione ferroviaria di Lambrate attraverso un parcheggio pubblico per auto tra via Predil e il rilevato ferroviario, la contestuale ricollocazione e sistemazione del terminal bus davanti alla stazione, la realizzazione di una pista ciclabile tra via Rodano e piazzale Monte Titano, la riqualificazione di via Predil con la realizzazione di una rotatoria in corrispondenza dell’ingresso ai parcheggi e la costruzione di una velostazione per 200 posti bici davanti la stazione.

“Questo intervento toglierà dal degrado un’area periferica della città e porterà nuovi servizi al quartiere che la circonda – sottolinea l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran -. Nuovi parcheggi per auto e bici, nuovi alberi, la riqualificazione di alcune strade daranno nuova attrattività alla zona, per chi la vive o la utilizza per entrare in città”.

Il PII ha ricevuto i pareri favorevoli del Municipio 3 e della Commissione del paesaggio ed è stato sottoposto a Valutazione ambientale strategica (VAS). All’adozione seguirà l’approvazione definitiva del Piano, una volta ottenuta l’autorizzazione per la grande struttura di vendita, previo coordinamento con Regione Lombardia.

Riecco Caronte,non è il Gran Caldo ma una querelle per un bando perso.

A distanza di anni si torna a parlare della Società Caronte che per 20 anni ha gestito i Trasporti a Segrate senza bando,poi dopo parecchie proroghe il Comune ha istituito un bando pubblico per l’assegnazione del servizio stesso.Bando vinto dall’Atm da allora é iniziata una querelle giudiziaria che oramai dura da anni.E oggi dopo la sentenza di primo grado ecco il ricorso della Società Caronte.

https://files.acrobat.com/a/preview/06b124e9-1bf8-44a1-b75a-e3c6f5a96dec

http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/08/31/news/caronte_e_atm_quella_guerra_per_un_business_da_15_milioni-21060103/